Petrolio USA: crolla la produzione. Cosa sta succedendo?

Petrolio USA: crolla la produzione. Cosa sta succedendo?

WTI produzione in contrazione

Il grafico sopra mostra il forte crollo della produzione di petrolio negli Stati Uniti che, nella settimana del 19 luglio, è passata da 12 milioni di barili al giorno a 11,3 milioni, ben 1,1 milioni di barili al di sotto del record storico segnato a maggio.

Ci troviamo inoltre di fronte alla continua contrazione delle trivelle in funzione, giunte a 776 e ben al di sotto dei massimi di 888 pozzi segnate a novembre scorso (si veda grafico sopra).

 

E’ chiaro che in questo contesto, le scorte si stanno sensibilmente riducendo riportandosi nella fascia centrale della media degli ultimi 5 anni (si veda grafico sopra).

 

Cosa sta succedendo?

Siamo di fronte quindi a un cambiamento di situazione? Forse la produzione americana ha raggiunto un massimo ed è ora destinata a un ridimensionamento?

No, nulla di tutto questo, almeno per il momento, anche se alcune problematiche relative alle estrazioni di shale oil stanno emergendo in modo sempre più evidente:

      1. Al fine di mantenere i ritmi di produzione in corso alcune aziende estrattive di share oil hanno necessità di aumentare la spesa per impianti, ma nel contempo Wall Street ha punito le aziende che hanno speso molto denaro, creando condizioni sempre più svantaggiose per l’approvvigionamento di capitale da destinare al budget.
      2. Il numero di pozzi perforati ma non completati (DUC) è salito a oltre 4.000 nel bacino del Permiano a giugno, con un aumento dell’1,1% da maggio. Da giugno 2018, i DUC del Permiano sono aumentati del 52,0% rispetto a un calo dell’1,0% altrove. L’aumento dei DUC Permiano potrebbe essere sintomo delle difficoltà finanziarie indicate al punto precedente, ma potrebbe anche essere collegato a lavori preparativi in vista del nuovo oleodotto che dovrebbe essere presto messo in funzione.

Questi aspetti in realtà non hanno nulla a che vedere con il calo di produzione, anche se è bene tenerli presente perché potrebbero in futuro giocare un ruolo più importante nei volumi di produzione.

La vera causa è dovuta a l’interruzione di alcuni impianti di produzione nel Golfo del Messico durante il passaggio verso la Louisiana dell’uragano Barry (ne avevamo parlato anche nel precedente articolo qui).

Ne consegue che il calo di produzione è temporaneo e dovrebbe tornare a salire a breve, dato che non sono al momento segnalati nuovi uragani.

 

Impatto sui prezzi

 

Il petrolio WTi è da tempo inserito in un trend ribassista di medio periodo con una curva forward che presenta un modesto contango, limitato alle prime scadenze. Resta invece una struttura in backwardation per quanto riguarda il petrolio Brent.

 

Come abbiamo già avuto modo di mostrare nel precedente articolo (qui) l’offerta di petrolio globale dovrebbe restare in deficit nell’anno in corso e maturare invece un sensibile surplus a partire dal nuovo anno.

In tale condizione è plausibile che il petrolio Brent avrà un supporto maggiore nelle quotazioni rispetto al WTI.

  1. La zona 55-62 dollari dovrebbe restare la fascia di oscillazione principale, ma l’attuale debolezza (in via di esaurimento) potrebbe creare alcune sbavature verso 52 dollari il barile (prezzi per il WTI).
  2. Il Brent si mantiene 7 dollari il barile più in alto, con una dinamica che potrebbe presentare una maggiore tonicità rispetto al WTI e quindi maturare anche dei veloci rimbalzi.

 

Hai trovato utile questa analisi? Ti piacerebbe essere in grado di farla?

Questo è solo un esempio di come si possono approcciare in modo integrato i mercati delle commodity, partendo dai dati fondamentali di produzione e consumo e poi proseguendo sull’analisi dei prezzi.

Maurizio Mazziero spiegherà per ogni materia prima quali dati osservare, dove andarli a trovare e come interpretarli in un corso a EDIZIONE UNICA (non sarà ripetuta) il 12-13 ottobre a Mendrisio e in live streaming per chi non può essere presente in aula.

Leggi tutti i dettagli cliccando sull’immagine qui sotto e se vuoi partecipare AFFRETTATI A ISCRIVERTI per ottenere la preziosa agevolazione della fase di lancio e per assicurarti uno dei pochi posti disponibili (verifica subito il contatore a inizio pagina è rimasto solo 1/4 dei posti disponibili).

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research, socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica), consulente finanziario autonomo iscritto all’albo OCF, responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.