Situazione tranquilla di un Paese in affanno – 39° Osservatorio conti italiani

Situazione tranquilla di un Paese in affanno – 39° Osservatorio conti italiani

L’economia italiana a metà 2020

 

(Link immediato all’Osservatorio Italia economia a metà 2020– attendere il caricamento)

Per leggere la sola Introduzione del 38° Osservatorio CLICCARE QUI

 

Riportiamo di seguito le Conclusioni del 39° Osservatorio sui dati economici italiani, analisi, grafici e commenti possono essere letti scaricando gratuitamente la pubblicazione qui

 

Prima si chiede in prestito. 
Poi si chiede l’elemosina.
Ernest Hemingway

Calo del PIL e aumento del debito è un mix mortale perché crea i presupposti di instabilità dei conti pubblici, riduce i margini su cui indirizzare gli interventi ed espone a rischi incalcolabili qualora dovesse “andare storto” qualcosa.

Pur con un possente rimbalzo nel 2° semestre, stimiamo che il PIL 2020 subirà un calo dell’8,2%. Se a questo dato associamo un debito a fine anno che potrebbe aggirarsi tra 2.566 e 2.598 miliardi ci troviamo con un debito/PIL che balzerebbe dal 134,6% al 161,6% e un deficit/PIL dal 1,6% al 10,8% (stime Mazziero Research).

Attualmente non si vedono impatti negativi e le imponenti emissioni di titoli di Stato vengono abbondantemente acquistate dalla BCE, che ha ormai superato il 20% di detenzione rispetto al circolante.

Questa situazione apparentemente tranquilla rischia però di non dare la reale misura dell’affanno del Paese: nei primi sei mesi dell’anno si sono persi oltre mezzo milione di posti di lavoro e il timore di una nuova estensione del contagio condiziona la fiducia di imprese e famiglie.

Il Governo ha predisposto le linee guida per richiedere i finanziamenti a Bruxelles, ma sembra non avere fretta nel definire i dettagli necessari per ottenere i contributi.

Siamo di fronte a un passaggio delicato, è bene che ciascuno di noi se ne renda conto senza illusioni; non ci sono bacchette magiche e nel contempo, se vogliamo riformare questo Paese, dovremo essere pronti a lasciarci alle spalle alcuni privilegi. Soprattutto la nostra bussola dovrà essere sempre rivolta al quesito di cosa lasciamo alle generazioni future.

 

Sommario delle stime Mazziero Research

Debito Pubblico

La stima a dicembre 2020
Compreso tra 2.566 e 2.598 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato
a metà febbraio 2021

Variazione PIL

Stima PIL 3° trimestre 2020: tra +12 e +15% (+14,2%)
Stima PIL 4° trimestre 2020: tra +1 e +4% (+2,5%)
Stima PIL 2020: tra -7 e -9% (-8,2%)

Stima preliminare dei ratio
Debito/PIL 161,6%;
deficit/PIL 10,8%

Spesa per Interessi

Stima Mazziero Research spesa lorda a fine 2020: 67,6 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa netta a fine 2020: 58,7 miliardi.

Nota esplicativa: Per spesa per interessi lorda si intende l’esborso per interessi come risultante dal conto di cassa della Ragioneria Generale; per spesa per interessi netta si intende il conguaglio tra interessi attivi e passivi e riportato nelle statistiche ufficiali dell’Istat. 

 

In questo numero:

  • Barometro dell’economia italiana.
  • Rating: situazione sotto controllo.
  • Covid e debito: l’abbraccio mortale.
  • Entrate e uscite: un salasso costante.
  • Struttura delle scadenze sempre più equilibrata.
  • Rendimenti in graduale riduzione.
  • Torna a diminuire la quota delle banche.
  • Se non ci fosse la banca centrale…
  • Una contrazione più ampia del previsto.
  • Italia incapace di recuperare dalle crisi.
  • Produzione industriale prove tecniche di ripartenza.
  • Recovery Fund: a che punto siamo?
  • La voragine dei posti di lavoro.
  • Deflazione, ma i beni alimentari crescono dell’1,1%.
  • Il commento di Andrew Lawford: Il frutto della gestione COVID nel Sud Pacifico.
  • Note economiche di Gabriele Serafini: La politica economica fra rischi e opportunità.

 

 

E’ possibile scaricare il 39° Osservatorio sui dati economici italiani al link:
Italia economia a metà 2020 – attendere il caricamento

 

PORTA UN ESPERTO DI ECONOMIA NELLA CONVENTION DELLA TUA AZIENDA

Gli analisti della Mazziero Research possono contribuire al successo del tuo evento portando la loro esperienza sull’economia italiana e globale e sui mercati finanziari.
Contattaci subito qui

 

 

LA CRISI ECONOMICA E IL MACIGNO DEL DEBITO.

Per quale motivo dopo dieci anni di crisi l’Italia stenta a risollevarsi? Ma soprattutto cosa ci attende per il futuro? L’opzione Italexit può essere una soluzione? Le risposte in questo libro

COMPRALO SUBITO cliccando sulla copertina o QUI.

 

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research e socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica). Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.