PETROLIO USA: calo stagionale delle scorte più ripido del previsto

Scorte petrolio aggiornamento

PETROLIO USA: calo stagionale delle scorte più ripido del previsto

Continua il calo delle scorte USA di petrolio, abbiamo già avuto modo di dire che si tratta di un calo stagionale che deriva dal maggiore utilizzo di raffinati nella bella stagione (si vedano gli articoli qui qui e qui).

Il nuovo elemento che sembrerebbe affacciarsi è una pendenza più accentuata di riduzione rispetto all’anno passato. Nel grafico sopra abbiamo tracciato una linea celeste tratteggiata (cerchiata con l’ellisse) per dare maggiore evidenza a quello che stiamo riscontrando.

Grafico petrolio WTI

 

Nel frattempo le quotazioni (ore 12 del 27 aprile) sono poco mosse intorno ai 49 dollari ed evidenziano chiari segni di indecisione fra gli operatori, che sempre più si interrogano se la riduzione di produzione OPEC possa davvero portare a un calo dell’offerta e delle scorte globali.

Entro la fine della settimana o nelle prime sedute della prossima si dovrebbe comunque assistere ad un aumento della volatilità che dovrebbe spingere i prezzi o verso il supporto a 47,50 o verso la resistenza a 50,50 dollari.

 

Socio Professional SIAT 2017

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research, socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica), consulente finanziario autonomo iscritto all’albo OCF, responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.