PETROLIO scorte USA – Aggiornamento del 30 marzo

PETROLIO scorte USA – Aggiornamento del 30 marzo

Salgono ancora di una modesta quantità le scorte USA di PETROLIO: + 0,9 milioni di barili a 534 milioni di barili, pari a 33,9 giorni di consumo, al di sotto del record storico di settimana scorsa (34,2 giorni di consumo).

Ci avviamo comunque alla conclusione del periodo di manutenzione delle raffinerie e quindi a un maggior utilizzo di petrolio, fra alcune settimane si dovrebbe giungere a un ciclo di riduzione delle scorte che verranno parzialmente assorbite da un maggior impiego dei prodotti raffinati nel prosieguo della bella stagione.

Avvicinandoci all’avvio delle contrattazioni americane (l’articolo è stato scritto alle ore 14.30 italiane) il PETROLIO WTI presenta un progresso dello 0,8% a 49,90 dollari/barile; come avevamo ipotizzato nei giorni scorsi, le quotazioni hanno intrapreso una nuova direzionalità uscendo dallo stretto trading range di 47,50-48,50 e puntano ora al rialzo. Sebbene la cifra tonda dei 50 dollari/barile potrebbe costituire una discreta resistenza non si può escludere l’intaurarsi di una nuova zona di oscillazione tra 50 e 52 dollari/barile.

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research, socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica), consulente finanziario autonomo iscritto all’albo OCF, responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.