C’è ancora spazio per crescere – 44° Osservatorio conti italiani

C’è ancora spazio per crescere – 44° Osservatorio conti italiani

L’economia italiana nel 3° trimestre 2021

 

(Link immediato all’Osservatorio Italia 3 trim 2021 – Pil debito & Co – attendere il caricamento)

 

Quest’anno cresceremo al 6,1%, decimale più o decimale meno, un risultato straordinario che non vedevamo da due decenni. Non mancano, tuttavia, le incognite sul valore finale che dipende da tre fattori.

Il primo, la conferma dall’Istat in seconda lettura del progresso del 3° trimestre al 2,6%, se questo passasse al 2,8% si raggiungerebbe il 6,2% annuo anche con una variazione nulla del 4° trimestre.

Il secondo aspetto riguarda l’evoluzione della pandemia che, anche in presenza di un green pass rafforzato, potrebbe costringere a limitazioni di movimento come già visti nel passato (coprifuoco oltre una certa ora, spostamenti solo per casi di necessità quali cure mediche e spesa alimentare).

Il terzo fattore è legato al continuo aumento dei prezzi che, in una condizione di salari stabili, potrebbe indebolire la fiducia dei consumatori e i relativi acquisti, in particolar modo durante le festività natalizie.

Attualmente quindi non escludiamo una possibile revisione al ribasso di qualche decimale della stima annua al 6,1%, ma se allarghiamo il nostro orizzonte d’osservazione possiamo constatare che l’attuale PIL trimestrale non ha ancora raggiunto i valori precedenti alla pandemia (si veda grafico sopra).

Questo ci fa ben sperare perché un recupero a pieno ritmo di tutte le attività unito ai progetti di sviluppo del PNRR darebbero un nuovo impulso al PIL.

In definitiva, c’è ancora spazio per crescere.

 

Sommario delle stime Mazziero Research

Debito Pubblico

La stima a dicembre 2021
Compreso tra 2.696 e 2.719 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato a metà febbraio 2022

Variazione PIL

Stima PIL 4° trimestre 2021: -0,1% (tra -2 e +2%)
Stima PIL 2021: +6,1% (tra +5 e +7%)

 

Spesa per Interessi

Stima Mazziero Research spesa lorda a fine 2021: 66,6 miliardi.
Stima Mazziero Research spesa netta a fine 2021: 59,5 miliardi.

Nota esplicativa: Per spesa per interessi lorda si intende l’esborso per interessi come risultante dal conto di cassa della Ragioneria Generale; per spesa per interessi netta si intende il conguaglio tra interessi attivi e passivi e riportato nelle statistiche ufficiali dell’Istat. 

 

In questo numero:

  • Rating: per il momento tutto bene.
  • Debito in forte calo (momentaneo).
  • Entrate in forte aumento.
  • Rendimenti dei titoli di Stato in aumento.
  • Scadenze dei titoli di Stato molto frastagliate.
  • BCE al momento non c’è traccia di minori acquisti.
  • Stima PIL 2021 al 6,1%, ma possibile revisione al ribasso
  • C’è ancora spazio per crescere.
  • Buoni dati da commercio e produzione industriale.
  • Mercato del lavoro: qualche progresso ma ancora troppo poco.
  • Inflazione ai massimi dal 2012 e non si ferma.
  • Il commento di Andrew Lawford: Prima di tutto, una discussione onesta.
  • Note economiche di Gabriele Serafini: Chi beneficerà del taglio delle tasse?

 

E’ possibile scaricare il 44° Osservatorio sui dati economici italiani al link:
 Italia 3 trim 2021 – Pil debito & Co – attendere il caricamento

 

PORTA UN ESPERTO DI ECONOMIA NELLA CONVENTION DELLA TUA AZIENDA

Gli analisti della Mazziero Research possono contribuire al successo del tuo evento portando la loro esperienza sull’economia italiana e globale e sui mercati finanziari.
Contattaci subito qui

 

 

LA CRISI ECONOMICA E IL MACIGNO DEL DEBITO.

Per quale motivo dopo dieci anni di crisi l’Italia stenta a risollevarsi? Ma soprattutto cosa ci attende per il futuro? L’opzione Italexit può essere una soluzione? Le risposte in questo libro

COMPRALO SUBITO cliccando sulla copertina o QUI.

 

 

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research e socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica). Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.