Aspettando Fitch – Cosa aveva detto l’8 gennaio sulle banche italiane

Aspettando Fitch – Cosa aveva detto l’8 gennaio sulle banche italiane

Questa sera il pronunciamento di Fitch sull’Italia

L’attuale valutazione di Fitch corrisponde a BBB con outlook negativo, alla pari di Standard & Poor’s; l’outlook negativo in genere sfocia in un abbassamento del rating, che quindi potrebbe essere portato a BBB- alla pari di Moody’s.

I mercati già in parte presuppongono una possibilità di abbassamento, anche se non completamente.

Quindi è possibile comunque qualche nervosismo in borsa tra le giornate di oggi e lunedì.

Infatti, già Fitch l’8 gennaio aveva messo sull’avviso che eventuali declassamenti avrebbero potuto influire sulle banche italiane. Lo abbiamo riportato nell’Osservatorio sui conti italiani uscito mercoledì 20 febbraio che vi riproponiamo di seguito.

Per scaricare integralmente il 33° Osservatorio cliccare qui

Rating: calma apparente

Il polverone sollevato dal declassamento di Moody’s e dalla revisione dell’outlook da parte di Standard & Poor’s nel corso del mese di ottobre si è ormai posato. DBRS, l’Agenzia di rating canadese, da sempre più generosa nei confronti dell’Italia e dell’Eurozona in genere, si è dimostrata ancora una volta benevolente nel confronto del nostro paese mantenendo il giudizio BBB High.

Il rischio era che Fitch, pur non avendo alcun intervento calendarizzato, modificasse la propria visione sull’Italia, peggiorandone il giudizio di merito.

Qualche avvisaglia a inizio anno in realtà c’era stata: l’8 gennaio, riferendosi alle banche italiane, Fitch aveva messo sull’avviso che una riduzione del rating sovrano di un gradino avrebbe molto probabilmente generato un declassamento di una serie di banche italiane. Aveva inoltre aggiunto che, nel caso di un declassamento dell’Italia di due livelli, la maggior parte dei rating delle banche sarebbe stato altamente vulnerabile, con probabili svalutazioni generalizzate.

Nulla di tutto ciò è avvenuto, Fitch ha mantenuto il rating BBB negativo alla pari di Standard & Poor’s, grazie anche all’adesione del Governo alle prescrizioni di bilancio della Commissione Europea. Ora però il timore di un declassamento ritorna plausibile, visto che nel frattempo l’Italia è entrata in recessione tecnica con il PIL degli ultimi due trimestri 2018 in contrazione.

Il responso di Fitch è ormai vicino, uscirà a fine settimana il 22 febbraio; seguirà una nuova valutazione di Moody’s il 15 marzo, mentre il 26 aprilesarà la volta di Standard & Poor’s.

 

 

PORTA UN ESPERTO DI ECONOMIA NELLA CONVENTION DELLA TUA AZIENDA

Gli analisti della Mazziero Research possono contribuire al successo del tuo evento portando la loro esperienza sull’economia italiana e globale e sui mercati finanziari.
Contattaci subito qui

 

 

 

LA CRISI ECONOMICA E IL MACIGNO DEL DEBITO.

Per quale motivo dopo dieci anni di crisi l’Italia stenta a risollevarsi? Ma soprattutto cosa ci attende per il futuro? L’opzione Italexit può essere una soluzione? Le risposte in questo libro

COMPRALO SUBITO cliccando sulla copertina o QUI.

 

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research, socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica), consulente finanziario autonomo iscritto all’albo OCF, responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.