Rame: il punto sulle quotazioni a inizio maggio 2014

Rame: il punto sulle quotazioni a inizio maggio 2014

Sottovoce il rame tenta di recuperare terreno dalla rovinosa caduta dei prezzi avvenuta a inizio marzo, complici i timori di rallentamento cinese e il primo default cinese sui corporate bond della Shanghai Chaori Solar, specializzata in pannelli solari.

Cliccare per ingrandire

 

Tuttavia le quotazioni più di tanto non sono scese, anzi hanno sviluppato a partire dall’ultima decade di aprile un canale rialzista che le ha portate al di sopra dei 3 dollari per pound (6.600 dollari per tonnellata).

Cliccare per ingrandire

 

Piuttosto interessante anche la curva forward che dopo aver sviluppato a marzo sulle scadenze superiori a sei mesi un modesto contango, ha mutato la pendenza e inizia a mostrare un principio di backwardation; probabilmente questo è il segno che qualcosa sta mutando a livello fondamentale:

  • La Cina pur rallentando in termini percentuali, presenta tassi di crescita superiori al 7% annuo; inoltre quest’anno, secondo uno studio della Banca Mondiale, la Cina potrebbe diventare la prima economia scalzando per la prima volta dal 1872 gli Stati Uniti, quando a loro volta avevano superato il Regno Unito.
  • Se l’economia, seppur a macchia di leopardo, tornerà a migliorare il surplus di offerta potrebbe essere velocemente riassorbito.

Curiosa anche la particolarità di alcune miniere di rame in Cile, il maggior paese produttore mondiale; secondo il Financial Times la concentrazione del minerale è in costante decrescita, tanto da riportare in produzione alcuni giacimenti che erano state accantonati per la presenza di metallo combinato con diverse altre sostanze.
Ed è proprio l’arsenico a questo punto a rappresentare un pericolo per la salute dei minatori e di coloro che lavorano nelle fonderie di raffinazione. È pressoché certo che non tarderà molto l’adozione di direttive per limitare la dispersione in atmosfera di sostanze tossiche, con un conseguente aggravio dei costi.

È legittimo a questo punto domandarsi se davvero continuerà il surplus di offerta di rame o se invece non ci si trovi di fronte alla prospettiva di un picco di produzione che potrebbe concretizzarsi entro un decennio.

Per conoscere cos’è la curva forward e il significato di contango e backwardation si veda l’articolo: La curva forward

 

Print Friendly and PDF

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research, socio Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica) è responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting; si occupa di analisi finanziarie, reportistica e formazione. Autore di numerosi libri, fra cui "Investire in materie prime" e "La crisi economica e il macigno del debito", viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.