I ritorni azionari in USA nell’ultima settimana – da #SimplyWallst

I ritorni azionari in USA nell’ultima settimana – da #SimplyWallst

Il grafico sopra riporta il progresso per settori delle azioni quotate negli Stati Uniti nella scorsa settimana.

Il grafico e un’analisi più completa è disponibile nel sito SimplyWallst qui.

Un ulteriore approfondimento si può trovare nell’articolo di Richard Bowman qui.

Mentre per quanto riguarda Piazza Affari ci troviamo di già in un bull market conclamato, e probabilmente la Borsa italiana ci regalerà una piacevole sorpresa quest’anno, gli indici americani sono ancora vicini ai minimi, ma stanno mostrando evidenti segnali di ripresa come si può notare dalla tabella qui sotto.

 

 

A questo punto ogni gestore, consulente o investitore si deve domandare che fare: attendere o iniziare a riposizionarsi?

Non possiamo ovviamente dare consigli, ma ciascuno dovrà interrogarsi sulle ragioni di questi movimenti di borsa e sulla loro possibile continuazione.

Nelle ragioni dei movimenti, che commenteremo nella live social di martedì 17 gennaio alle ore 18.00 qui, riscontriamo un effettivo rallentamento dell’inflazione USA che presupporrebbe una variazione del percorso della FED.

 

 

Il grafico mostra il percorso aggiornato delle banche centrali, in cui abbiamo rivisto il picco massimo della FED da 5,25% al 5,00% che dovrebbe essere raggiunto il 22 marzo dopo due rialzi da 0,25% a febbraio e a marzo; poi verrebbe mantenuto a questo livello sino a novembre. Questo, almeno, è quanto sconta il mercato attualmente.

 

 

PORTA UN ESPERTO DI ECONOMIA NELLA CONVENTION DELLA TUA AZIENDA

Gli analisti della Mazziero Research possono contribuire al successo del tuo evento portando la loro esperienza sull’economia italiana e globale e sui mercati finanziari.
Contattaci subito qui

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Fondatore della Mazziero Research e socio Ordinario Professional SIAT (Società Italiana di Analisi Tecnica). Autore di numerosi libri, fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Investire in materie prime” e “La crisi economica e il macigno del debito”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.