Perché il modello economico della mente e il concetto di concorrenza sono da superare.

Sinapsi

Perché il modello economico della mente e il concetto di concorrenza sono da superare.

Segnaliamo la traduzione italiana dell’articolo “Perché il modello economico della mente e il concetto di concorrenza sono da superare” pubblicato in inglese nel XXVII Osservatorio sui dati economici italiani, dove Gabriele Serafini, docente docente di Storia del pensiero economico e Statistica economica presso la Facoltà di Economia dell’Università Niccolò Cusano di Roma, esamina gli schemi comportamentali della mente e le implicazioni sul concetto di concorrenza.

Frontespizio Note economicheÈ un articolo dal taglio accademico, che ritorna ad esaminare particolari aspetti della Teoria Economica Corrente alla luce delle evidenze che emergono nei campi della Psicologia e delle Neuroscienze.

La lettura richiede una buona preparazione sui concetti economici e un’apertura mentale ai risvolti psicologici e alla teoria comportamentale; nondimeno chi ne avrà appreso appieno il significato avrà colto un’opportunità per volare alto.

E in Italia ne abbiamo bisogno.

È possibile scaricare liberamente l’articolo in formato Pdf cliccando qui.

Per scaricare il XXVII Osservatorio sui dati economici italiani Italia: economia a metà 2017 cliccare sul link.

 

 

Copertina Manuale Investitore Consapevole

 

 

IFTA 2017

 

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Analista finanziario, fondatore Mazziero Research, Socio Professional SIAT ed esperto di materie prime è responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri fra cui la “Guida all’analisi tecnica”, il “Manuale dell’investitore consapevole” e il nuovissimo “Investire in materie prime”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari, convention aziendali e programmi radiotelevisivi. Pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.