SORPRESA, la produzione OPEC torna a crescere!

SORPRESA, la produzione OPEC torna a crescere!

Produzione OPEC in crescita a maggio, che passa da 31,8 a 32,1 milioni di barili al giorno. A dirlo è la stessa OPEC nell’analisi statistica mensile.

L’incremento viene soprattutto da Libia e Nigeria, che sono esclusi dagli accordi di contingentamento di produzione, ma che a questo punto potrebbero minare la compattezza dei paesi membri visto che anche l’Iraq continua ad incrementare le estrazioni. Teniamo conto che per ciascun paese la riduzione di produzione comporta pesanti ricadute sul bilancio nazionale e il mancato rialzo dei prezzi acuisce in modo consistente il problema.

La diretta conseguenza del rialzo di produzione è che l’obiettivo di ridurre le scorte accumulatesi tra il 2014 e il 2016 si starebbe sempre più allontanando.

Situazione opposta invece per gli Stati Uniti dove, nel pieno della driving season caratterizzata da alta domanda di raffinati, le scorte stanno continuamente calando e hanno quasi raggiunto il livello del range medio degli ultimi 5 anni.

Ma a parte gli Stati Uniti, il quadro delle quotazioni resta fragile in una zona di supporto poco sopra i 44 dollari che fungono da spartiacque fra un recupero verso 47,50 e un scivolamento verso 42,50-42 dollari.

Il mercato ormai ha imparato a leggere correttamente i dati e sono finiti i tempo dei facili entusiasmi.

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Analista finanziario, fondatore Mazziero Research, Socio Professional SIAT ed esperto di materie prime è responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri fra cui la “Guida all’analisi tecnica”, il “Manuale dell’investitore consapevole” e il nuovissimo “Investire in materie prime”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari, convention aziendali e programmi radiotelevisivi. Pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.