PETROLIO Pozzi USA – aggiornamento 24 marzo 2017

PETROLIO Pozzi USA – aggiornamento 24 marzo 2017

I pozzi in funzione negli Stati Uniti continuano a crescere, anche nella settimana corrente l’incremento è stato notevole: +21 impianti a 652, maggiore aumento da gennaio.

Ciò significa che gli attuali prezzi sono sufficienti ad aumentare il numero di trivelle in funzione e al tempo stesso la produzione; una tendenza che contrasta quella dei membri OPEC impegnati in una riduzione delle estrazioni.

I prezzi del petrolio WTI restano deboli intorno ai 48 dollari al barile, con una volatilità settimanale decisamente in contrazione. Probabile, a questo punto, un ritorno settimana prossima della volatilità con un movimento direzionale che potrebbe spingere le quotazioni verso i 50-52 dollari oppure far sprofondare ulteriormente i prezzi verso i 45 dollari al barile.

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Analista finanziario, fondatore Mazziero Research, Socio Professional SIAT ed esperto di materie prime è responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri fra cui “Guida all’analisi tecnica”, “Manuale dell’investitore consapevole” e “Investire in materie prime”; in uscita imminente il libro “La crisi economica e il macigno del debito”. Viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in seminari, convegni aziendali e programmi radiotelevisivi; pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.