Il RISVEGLIO degli agricoli: cosa è successo?

Mas grano soia

Il RISVEGLIO degli agricoli: cosa è successo?

La seduta del I maggio a Chicago ha preso alla sprovvista i trader sugli agricoli e ora per i ribassisti sono dolori:

Mais: +3,0% a 377,5 centesimi per bushel (scadenza luglio)
Grano: +5,5% a 456,0 centesimi per bushel (scadenza luglio)
Soia: +1,5% a 970,25 centesimi per bushel (scadenza luglio)

e anche la giornata di oggi sembra essere intonata al rialzo.

Quali sono le cause? Forse il solito report del lunedì?
Ci riferiamo al Crop Progress (vedi sotto le pagine del libro Investire in materie prime per capire di che report si tratta).

No, nel report rilasciato ieri sera dall’USDA non vi sono particolari dati del raccolto che possano indurre a simili rialzi; piuttosto la causa è legata ai numerosi allagamenti, alle piogge intense e persino tempeste di neve che si sono riversate nelle grandi pianure degli Stati Uniti.

Il problema è di difficile valutazione al momento e occorreranno diversi giorni, anche per vedere con quale ritmo il terreno tenderà ad asciugarsi.

Per il grano c’è poco da fare, il danno andrà quantificato ma non è possibile porvi rimedio, e infatti il rialzo per questo cereale è quello più consistente. Anche sulle quotazioni di Parigi, peraltro, sembrano manifestarsi alcune tensioni sui prezzi.

Per il mais occorrerà valutare se procedere a una nuova semina, appena il terreno mostrerà condizioni accettabili; di per sé non è un problema, le macchine seminatrici sono di grosse dimensioni e possono lavorare 24 ore su 24 senza operatori grazie al GPS, ma più si attende nella semina più la resa del raccolto diminuisce, con impatti sulla quantità e qualità finale.

Molto probabilmente le semine di mais nei terreni troppo compromessi non saranno possibili e quindi gli agricoltori potrebbero optare nella semina di soia, guadagnando così del tempo. Se ciò si tradurrà in un ulteriore aumento del raccolto di soia, le quotazioni, che ieri si sono mosse in simpatia con il mais, tenderanno a formare nuovi minimi annuali.

La situazione è quindi da monitorare molto attentamente, dato che le quotazioni di Chicago provengono da un periodo di forte depressione e la stagione in corso non si presenta per niente facile per le aziende agricole americane.

 

Estratto del libro Investire in materie prime

 

Socio Professional SIAT 2017

 

 

 

 

 

Maurizio Mazziero
maurizio@mazzieroresearch.com

Analista finanziario, fondatore Mazziero Research, Socio Professional SIAT ed esperto di materie prime è responsabile del Comitato di Consulenza di ABS Consulting. Autore di numerosi libri fra cui la “Guida all’analisi tecnica”, il “Manuale dell’investitore consapevole” e il nuovissimo “Investire in materie prime”, viene spesso invitato come esperto di mercati ed economia in convegni, seminari, convention aziendali e programmi radiotelevisivi. Pubblica trimestralmente un Osservatorio sui dati economici italiani.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.